sabato 8 settembre 2012

Settembre...iniziano le vendemmie.

Buongiorno a tutte !
Dalle mie parti il vino si beve buono e chi non possiede una vigna molte volte compera l'uva d.o.c. e se lo fà.

Da questo periodo fino a metà ottobre, secondo il tempo, si vendemmia.

Avete mai vendemmiato ?
Io ho avuto questa fortuna, soprattutto da ragazzina.



Immaginatevi una collina a filari di vite con la vista sul mare....

Da piccola mi ricordo che con i miei andavamo alla vigna di cui i miei zii erano fattori.
Era una vigna molto grande e mio zio in parte l'aveva ricavata spezzandosi la schiena a zappare pietre.
La famiglia si riuniva e la mattina abbastanza presto ci si presentava con abiti da lavoro e fazzoletto in testa per le donne, altrimenti, quando ti trovi a dover tagliare i grappoli (rappe)  in alto, i capelli con lo zucchero dell'uva tagliata ti si incollano.

Sul posto prendevi forbici e secchio e via.


I secchi pieni di grappoli venivano portati alla bigoncia piu' vicina


che gli uomini poi si caricavano sulle spalle e portavano alla casa.
Uva bianca con uva bianca e uva nera con la nera.
Bisognava anche fare attenzione agli insetti anche loro golosi d'uva...
vespe, api.

Poi c'era l'uva "proibita", la piu' buona, quella moscata, riservata ai padroni della terra.
Noi bambini delle puntatine ce le facevamo lo stesso di nascosto...
Quell'uva veniva apparecchiava su una foglia di vite (pàmpina) e offerta ai padroni che venivano a fare una visita.
Mi ricordo il proprietario che arrivava verso sera piano piano su' per la stradina col bastone, con fare soddisfatto e tranquillo, si sedeva su una sedia di paglia chiacchierava e
guardava attorno le sue terre.


Sembra un racconto dell'800, invece sto' parlando degli anni 70 e 80.

Alla casa, intanto, le donne che non potevano raccogliere perchè anziane o altro, preparavano i pasti nella cucina. Nella cantina, invece,  gli uomini  preposti, macinavano l'uva nella frangola poi la mettevano nei grossi tini di legno.

A metà mattina facevamo una colazione sostanziosa...poi si tornava a lavoro.
(Famoso il baccalà marinato delle vendemmie...)


Era molto stancante ma era una fatica che ti ossigenava la mente e lo spirito.

Lavorare la terra insieme.

Al momento di tornare a casa ti riportavi dei fiaschi di vino dell'anno passato e dei bei grappoli attaccati ai loro rametti che poi a casa mettevamo a seccare appesi ad un bastone posizionato in alto in cucina.

Buona giornata a tutte.




http://it.bing.com/images/search?q=vigne+versilia&view=detail&id=0C909E8F1CA2F47DFA2D679929B97967BF5B4DE3&first=31&FORM=IDFRIR

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali