lunedì 6 febbraio 2012


Che bello un camino acceso !
Ve lo offro per una scaldatina virtuale...




Anni fà, nelle comunità agricole, il camino era il cuore della casa.
Serviva a cucinare, ad asciugare la biancheria dei bambini
(veniva appoggiata sugli alari e poi sapeva di fumo) e ovviamente a riscaldare.
E dove ci si riuniva per parlare ?
Davanti al calduccio, insieme al gatto di casa che guardava sornione le fiammelle.

Ho parenti che abitano in montagna e vivono ancora come 50 anni fà.
In cucina hanno un bel camino grande e anche una grande sala che usavano per festeggiare comunioni, matrimoni ( alle travi sono appesi ancora adesso, buonissimi salsicce e salumi).
Una volta.
Adesso, per le feste, si sono "modernizzati" anche perchè al paese sono rimasti in pochissimi.
Mi ricordo da piccola, che bello, ai bambini si dava per "rinfresco" della festa, la cioccolata calda con i biscottoni caserecci all'anice,
posati sulla grande tavola apparecchiata.
Sapete, quelli fatti come una mezzaluna lunga.
Sentivo che le persone quando si concedavano a fine giornata,si chiedevano:
"quando vieni a veglio"?
Il veglio era il vegliare la sera, dopo cena.
Si riunivano in casa di una famiglia; uomini con uomini e donne con le donne ma tutti nella stanza piu' calda, la cucina.
Parlavano, parlavano, parlavano; del lavoro, del prete, degli anziani ammalati, dei morti, dei figli.
Parlare con le persone, che grande cosa !
C'erano donne che lavoravano a maglia, (avete mai visto fare i calzini dalle nonne con tre ferri ) e chi allattava.
D'inverno davanti al camino.
Adesso il camino è diventata la televisione, come punto aggregatore della famiglia.
Io preferisco il camino.
Mi scalda, mi consola, mi rilassa e mi fà compagnia, mi fa' luce, mi piace l'odore della legna accatastata.
E da dove arriva Babbo Natale?
E dove si appendono le calze della befana ?
Pero', haimè, non ce l'ho e non ho neanche la possibilità di farlo nella mia micro-casa.
Sarebbe bella anche una cucina economica, sapete quelle che fanno vedere la fiamma e hanno anche il forno.
Ce l'hanno i miei suoceri e quando vado a trovarli, indovinate dove mi siedo ?
Vicino alla stufa !
Provvedero', forse, con una stufa a legna.

Stasera mi sono scaldata col calore dei ricordi....
Buona notte.






2 commenti:

  1. Anch'io porto nel cuore i ricordi di un fuoco acceso... i miei nonni non avevano il caminetto ma il braciere e ci si riuniva lì vicino e mentre gli adulti parlavano, noi bambini giocavamo insieme, ora hai ragione tu c'é la tv... che però non aggrega.
    A presto
    Anna

    RispondiElimina
  2. Che bei ricordi, scaldano il cuore. Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina

Visualizzazioni totali